Il memoriale Karadzic: «I serbi? Vittime dei media musulmani»

Posted on August 2, 2008. Filed under: new web | Tags: , , , , , , , |

L’AIA. «Non in grado di tenere fede all’impegno preso a nome degli Usa, Richard Holbrooke è passato al piano B: liquidare Radovan Karadzic». Con queste parole, scritte in un documento consegnato ieri al Tpi, l’ex leader serbo bosniaco conferma l’accusa mossa ieri agli Usa. Nel documento, Karadzic elenca una serie di «gravi irregolarità», tra cui le circostanze del suo arresto a Belgrado, che renderebbero per lui «inimmaginabile» la possibilità di poter contare su un processo giusto. In cima alle irregolarità denuncia «la caccia alle streghe» cominciata dai media musulmani, che lo avrebbe «proclamato criminale di guerra in un momento in cui le sole vittime erano i serbi», e proseguita poi da quelli internazionali. «Io non ero nelle condizioni di rispondere in modo adeguato cosicché è ora inimmaginabile che questa Corte possa assolvermi. Credo che questi fatti compromettano seriamente lo stesso processo ed escludano ogni possibilità di regolarità», denuncia Karadzic, 63 anni. La parte più consistente del documento è dedicata al patto di impunità non mantenuto dagli Usa, che sarebbe stato siglato durante i negoziati di Dayton che misero fine alla guerra bosniaca. Ma per l’ex inviato speciale nei Balcani, il ministro svedese Carl Bildt, il mancato arresto di Karadzic in questi 13 anni non è dovuto a ragioni politiche, ma alla mancanza di volontà di Washington, “scottata” dalla perdita di 18 uomini durante un’operazione disastrosa condotta nel 1993 per arrestare un capo di guerra in Somalia.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=280371

Read Full Post | Make a Comment ( None so far )

Karadzic all’Aja

Posted on July 30, 2008. Filed under: notizie oggi | Tags: , , , , , , |

L’Aja – Radovan Karadzic è stato estradato nella notte in
Olanda ed è arrivato nel carcere di Scheveningen, a 25 chilometri dall’Aja. L’ex leader
serbo bosniaco dovrà rispondere di 11 capi d’accusa comprendenti il genocidio e i crimini di
guerra davanti al Tribunale penale internazionale dell’Aja.

Scortato Karadizc è stato scortato all’aeroporto di Belgrado da un convoglio di auto con agenti delle
forze di sicurezza a volto coperto, poche ore dopo una manifestazione di solidarietà degli
ultranazionalisti serbi in cui 45 persone, per lo più poliziotti, sonmo rimasti feriti.
L’estradizione dell’ex superlatitante dei Balcani è stata decisa dopo che il ricorso che la
difesa sostiene di aver spedito per posta non è arrivato in tempi considerati ragionevoli.

La partenza nella notte L’aereo con a bordo Karadzic è decollato alle 4.20 del
mattino da Belgrado ed è atterrato due ore dopo all’aeroporto di Rotterdam. Da lì, l’ex leader
serbobosniaco è stato portato a Scheveningen.

Il processo Nel corso della prima udienza gli
sarà chiesto di dichiararsi colpevole o innocente: nel caso, del tutto improbabile, in cui si
dichiarasse colpevole, i giudici si limiterebbero a stabilire la pena, che per i suoi crimini è
quasi certamente l’ergastolo. Altrimenti, sempre che sia giudicato idoneo sotto il profilo
medico, inizierà la fase preparatoria del processo che potrebbe protrarsi per mesi e durante
la quale la difesa sarà informata di tutti gli elementi di prova a carico dell’imputato.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=279777

Read Full Post | Make a Comment ( None so far )

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...