new web

Barbone dato alle fiamme mentre dorme su una panchina

Posted on November 12, 2008. Filed under: new web | Tags: , , , , , , , |

RiminiForse la vendetta folle e atroce di qualche pusher con cui la vittima aveva avuto degli screzi perché voleva ripulire dagli spacciatori il «suo» parco, o soltanto il gesto assurdo di uno o più balordi, teppisti per «gioco», per il gusto della violenza fine a se stessa.Sono queste le ipotesi che i poliziotti della Squadra mobile stanno seguendo per fare luce sulla feroce aggressione che si è consumata ai danni di un clochard di 46 anni, lunedì notte a Rimini. Una aggressione maturata in un contesto di forte emarginazione.È stata una ragazza che passava sulla via Flaminia a dare l’allarme, a raccontare di avere visto una torcia umana che si dimenava urlando tra gli alberi del viale, un uomo completamente avvolto dalle fiamme. I soccorritori hanno trovato il barbone, molto conosciuto nella zona, coperto di ustioni, in stato confusionale ma ancora cosciente: lui stesso ha detto loro di essersi svegliato sulla panchina coi vestiti in fiamme, ma di non avere visto nessuno. Stava dormendo. Non lontano è stata trovata una tanichetta annerita che conteneva del liquido infiammabile, probabilmente benzina, usato dagli aggressori (o dall’aggressore). La vittima, che ha detto di chiamarsi Andrea Severi e di essere originario di Taranto, è stata trasportata d’urgenza al Centro grandi ustionati di Padova: ha ustioni sul 40% del corpo, è in prognosi riservata ma secondo i medici non sarebbe in pericolo di vita.Le indagini al momento sono a carico di ignoti.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=305410

Read Full Post | Make a Comment ( None so far )

Il memoriale Karadzic: «I serbi? Vittime dei media musulmani»

Posted on August 2, 2008. Filed under: new web | Tags: , , , , , , , |

L’AIA. «Non in grado di tenere fede all’impegno preso a nome degli Usa, Richard Holbrooke è passato al piano B: liquidare Radovan Karadzic». Con queste parole, scritte in un documento consegnato ieri al Tpi, l’ex leader serbo bosniaco conferma l’accusa mossa ieri agli Usa. Nel documento, Karadzic elenca una serie di «gravi irregolarità», tra cui le circostanze del suo arresto a Belgrado, che renderebbero per lui «inimmaginabile» la possibilità di poter contare su un processo giusto. In cima alle irregolarità denuncia «la caccia alle streghe» cominciata dai media musulmani, che lo avrebbe «proclamato criminale di guerra in un momento in cui le sole vittime erano i serbi», e proseguita poi da quelli internazionali. «Io non ero nelle condizioni di rispondere in modo adeguato cosicché è ora inimmaginabile che questa Corte possa assolvermi. Credo che questi fatti compromettano seriamente lo stesso processo ed escludano ogni possibilità di regolarità», denuncia Karadzic, 63 anni. La parte più consistente del documento è dedicata al patto di impunità non mantenuto dagli Usa, che sarebbe stato siglato durante i negoziati di Dayton che misero fine alla guerra bosniaca. Ma per l’ex inviato speciale nei Balcani, il ministro svedese Carl Bildt, il mancato arresto di Karadzic in questi 13 anni non è dovuto a ragioni politiche, ma alla mancanza di volontà di Washington, “scottata” dalla perdita di 18 uomini durante un’operazione disastrosa condotta nel 1993 per arrestare un capo di guerra in Somalia.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=280371

Read Full Post | Make a Comment ( None so far )

Come al solito sovraesposto l’Estremo Oriente

Posted on July 30, 2008. Filed under: new web | Tags: , , , , , |

La selezione per il concorso della prossima Mostra di Venezia era a metà ancora il 20 luglio; è stata completata in fretta per la conferenza stampa di ieri. Come anticipato dal Giornale, l’Italia ha quattro film in concorso, quindi è sovrarappresentata. Quando ciò avveniva, a vantaggio del cinema francese, al Festival di Cannes, i giornali parlavano di sciovinismo; ci saranno ora giornali severi con Venezia come lo furono con Cannes? Questo abuso di posizione dominante troverà forse giustificazione qualitativa; la quantitativa non potrà esserci. I film italiani distribuiti realmente – nel senso che siano visibili per almeno due fine settimana nei cinema – in un anno in Italia sono circa trenta…Al Lido non ci sono più, salvo uno, i selezionatori dell’anno scorso. Hanno pagato con l’allontanamento errori del direttore, perché, se selezionatore propone, direttore dispone. I nuovi selezionatori sanno dunque che cosa rischiano; e hanno già capito quanto contino, visto che il cartone animato Sky Crawlers di Mamuro Oshii è stato preso dal direttore senza che loro l’avessero visto.A proposito di cartoni e di giapponesi: ci sarà alla Mostra anche Ponyo on Cliff by the Sea di Hayao Miyazaki, autore di film così enigmatici da valergli la nomea di «maestro». Però Takeshi Kitano non fu contento di riascoltare il motivetto del suo L’estate di Kikujiro (Festival di Cannes, 1999) nella Città incantata di Miyazaki (Mostra di Venezia, 2001)!In quest’edizione anche Kitano parteciperà in concorso con Achilles and the Tortoise: con tre film in concorso il cinema giapponese è dunque sovrarappresentato – proporzionalmente – anche più di quello italiano.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=279664

Read Full Post | Make a Comment ( None so far )

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...